Stato Civile - Rete civica del comune di San Benedetto Po

Uffici | Servizi Demografici | Stato Civile - Rete civica del comune di San Benedetto Po

UFFICIO DI STATO CIVILE

Lo Stato Civile, come l'anagrafe e l'elettorale, è un servizio dello Stato assegnato al Comune. Il Sindaco, quale Ufficiale di Governo è Ufficiale dello Stato Civile.

In caso di assenza o impedimento del Sindaco, le funzioni sono svolte da chi legalmente lo sostituisce. Il Sindaco può rilasciare delega agli Assessori, al Segretario Comunale o ad impiegati idonei del Comune. Ogni atto di delega o di revoca deve essere approvato dal Prefetto. La firma del''Ufficiale dello Stato Civile è depositata in Prefettura.

L'Ufficio dello Stato Civile tiene i registri, in doppio originale, di Cittadinanza, Nascita, Matrimonio, Morte, in base ai quali l'Ufficiale dello Stato Civile rilascia i certificati.

 

 


 

 

 

Immagine di neonato

DICHIARAZIONE DI NASCITA

 

 

 

 
La dichiarazione di nascita deve essere fatta:
  • Entro 10 giorni dalla nascita se viene resa all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune di nascita o di residenza

  • Entro 3 giorni dalla nascita se viene resa presso la Direzione Sanitaria dell'Ospedale o della Casa di Cura in cui è avvenuta la nascita

Chi può rendere la dichiarazione di nascita:

1) per i genitori uniti in matrimonio

  • uno dei due genitori o entrambi

  • un loro procuratore speciale

  • medico/ostetrica che ha assistito al parto

  • persona che ha assistito al parto

2) per i genitori non uniti in matrimonio

  • dalla sola madre che intende riconoscere il figlio

  • dal padre e dalla madre congiuntamente, se intendono riconoscere entrambi il figlio

Documentazione da presentare

Per effettuare la dichiarazione di nascita occorre presentarsi all'Ufficio dello Stato Civile muniti di

  • attestazione di nascita rilasciata dall'ostetrica e dal medico che ha assistito al parto

  • documento valido di identità personale del dichiarante

Attribuzione del nome al neonato

Al neonato può essere attribuito un solo nome, che deve necessariamente corrispondere al sesso del bambino. Il nome può eventualmente essere composto da più elementi onomastici, fino ad un massimo di tre, ma, in questo caso, il nome composto verrà riportato con tutti i suoi elementi nelle certificazioni di stato civile e di anagrafe, nonchè nei documenti del bambino.

|UFFFICIO STATO CIVILE| |SERVIZI DEMOGRAFICI| |HOME|


 
Carta regionale dei servizi

 

Immagine CRS

ATTRIBUZIONE DEL CODICE FISCALE E DELLA TESSERA SANITARIA AL NEONATO

Al momento della dichiarazione di nascita, l'Ufficiale dello Stato Civile provvederà, in via telematica, all'attribuzione del codice fiscale del bambino rilasciando un'attestazione cartacea che potrà essere ritirata il giorno successivo presso l'ufficio dai genitori.

Con questa attestazione i genitori dovranno recarsi presso l'ASL di Suzzara (Via Marangoni, 4/A) per il rilascio della Carta Regionale dei Servizi.

La Carta Regionale dei Servizi (comprensiva del codice fiscale) verrà inviata a casa dei genitori direttamente dalla Regione Lombardia. 

|UFFICIO STATO CIVILE| |SERVIZI DEMOGRAFICI| |HOME|


 

PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO

Le pubblicazioni di matrimonio devono essere richieste all'Ufficio di Stato Civile del Comune dove ha la residenza uno dei due futuri sposi, anche in caso di matrimonio religioso valido agli effetti civili.

Il procedimento per le pubblicazioni di matrimonio consta di 4 fasi:

  • compilazione del modello utile per la richiesta delle pubblicazioni matrimoniali

  • acquisizione d'ufficio della documentazione necessaria a comprovare l'esattezza delle dichiarazioni rese dagli sposi

  • avvio della pratica di matrimonio: la richiesta della pubblicazione deve essere effettuata da entrambi gli sposi presentandosi personalmente, o tramite persona da loro delegata con procura speciale, all'Ufficio di Stato Civile ove verranno rese le dichiarazioni prescritte e firmato l'apposito verbale. Se gli sposi intendono contrarre matrimonio religioso valido agli effetti civili, devono essere muniti della richiesta del Parroco/Ministro di culto

  • esposizione delle pubblicazioni: l'Ufficiale dello Stato Civile provvede all'esposizione delle pubblicazioni presso l'apposito spazio e richiede analoga esposizione al Comune di residenza dell'altro futuro sposo, se diverso da San Benedetto Po. Le pubblicazioni devono rimanere esposte nei Comuni di Residenza di entrambi gli sposi per almeno 8 giorni interi

L'atto di pubblicazione è soggetto al pagamento dell'imposta di bollo pari a € 14,62 (€ 29,24 se uno degli sposi non è residente nel Comune di San Benedetto Po e si rende quindi necessario procedere alla richiesta di pubblicazioni ad altro Comune).

Il matrimonio deve essere celebrato entro 180 giorni successivi alla pubblicazione.

Nel caso di matrimonio religioso gli interessati provvederanno, trascorsi i termini di legge, al ritiro del nullaosta alla celebrazione, da consegnare al Parroco o al Ministro di culto.

|UFFICIO STATO CIVILE| |SERVIZI DEMOGRAFICI| |HOME|