Anagrafe - Rete civica del comune di San Benedetto Po

Uffici | Servizi Demografici | Anagrafe - Rete civica del comune di San Benedetto Po

 

UFFICIO ANAGRAFE

 

L'Anagrafe comprende l'anagrafe della popolazione residente (A.P.R.) e l'anagrafe degli italiani residenti all'estero (A.I.R.E.). e' competenza dell'anagrafe la raccolta e l'aggiornamento di tutte le schede individuali e di famiglia delle persone che hanno la loro residenza nel Comune o che sono state cancellate per aver trasferito all'estero la loro dimora.

La tenuta degli schedari anagrafici è un servizio di competenza dello Stato, attribuito al Sindaco quale Ufficiale di Governo; in tale veste il Sindaco è Ufficiale d'Anagrafe.
In caso di assenza o impedimento del Sindaco, le funzioni sono svolte da chi legalmente lo sostituisce. Il Sindaco può rilasciare delega agli Assessori, al Segretario Comunale o ad impiegati idonei del Comune.
Ogni atto di delega o di revoca deve essere approvato dal Prefetto. La firma dell'Ufficiale di Anagrafe è depositata in Prefettura.


SERVIZI DELL'UFFICIO ANAGRAFE


|HOME| |SERVIZI DEMOGRAFICI|

 

 

TRASFERIMENTO DI RESIDENZA

 

I Cittadini Italiani e stranieri provenienti da altro Comune italiano o da Stato straniero che intendono denunciare il trasferimento della residenza nel Comune di San Benedetto Po o che intendono denunciare il cambio di abitazione nell'ambito del territorio comunale, devono presentarsi presso l'Ufficio Anagrafe del Comune.
I cittadini che invece intendono trasferirsi in altro Comune dovranno contattare l'uffico Anagrafe del Comune presso il quale intendono prendere la residenza.

 

Chi può fare la denuncia

 

In caso di trasferimento di un intero nucleo familiare, la denuncia può essere presentata da uno qualsiasi dei componenti la famiglia, purchè maggiorenne. Le dichiarazioni relative ai minori devono essere rese da chi ne esercita la potestà o la tutela. Il denunciante deve saper indicare i dati anagrafici di tutti i componenti del nucleo familiare.

 

Documentazione da presentare

 

  • Il Codice Fiscale

  • Per i cittadini italiani occorre solamente un valido documento di riconoscimento

  • Per i cittadini stranieri occorre il permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura, il passaporto e, se proveniente da altro Comune italiano, un valido documento di riconoscimento.

 

Per chi è in possesso della patente di guida

 

Al momento della variazione di residenza, presso l'Ufficio Anagrafe è possibile attivare la procedura per la denuncia del cambio di residenza da apporre sulla patente e sulla carta di circolazione dei veicoli.
Occorre presentare all'Ufficio Anagrafe la patente di guida e i libretti dei veicoli intestati al richiedente e ad ogni membro della famiglia.
L'Ufficio Anagrafe comunicherà direttamente al Ministero dei Trasporti-Direzione Generale della Motorizzazione Civile, i nominativi dei titolari di patente e carta di circolazione che hanno effettuato un cambio di residenza.
Gli interessati riceveranno direttamente a domicilio, da parte del Ministero dei trasporti, i bollini con l'avvenuto cambio di indirizzo da apporre sui rispettivi documenti. Nel frattempo faranno fede i tagliandi rilasciati dall'Ufficio Anagrafe che dovranno essere conservati unitamente ai rispettivi documenti ed esibiti su richiesta.
Per i cittadini stranieri la procedura si avvia soltanto se sono in possesso di documenti (patente o carta di circolazione) italiani.

 

 


|HOME| |UFFICIO ANAGRAFE| |SERVIZI DEMOGRAFICI|

 

 

CARTA D'IDENTITA' E CARTA D'IDENTITA' ELETTRONICA

 

La carta d'identità viene rilasciata a:

  • Cittadini italiani residenti e non residenti ma temporaneamente dimoranti

  • Cittadini italiani residenti all'estero (cioè iscritti all'A.I.R.E.)

  • Cittadini stranieri. In questo caso il documento ha solo valore di riconoscimento e non costituisce titolo per l'espatrio.

A partire dal 26 giugno 2008 la carta d'identità di un cittadino maggiorenne ha una validità di 10 anni dalla data del rilascio ed il rinnovo della carta d'identità cartacea già in possesso del cittadino può essere richiesto a partire dal 180° giorno precedente la scadenza.

La carta d'identità può essere rilasciata fin dalla nascita ed avrà le seguenti scadenze:

- per i cittadini da 0 a 3 anni: 3 anni
- per i cittadini da 3 a 18 anni: 5 anni
- per i cittadini maggiorenni: 10 anni

 

 


 

Dal 19/01/2011 il Comune di San Benedetto Po rilascia la Carta d'Identità Elettronica (SERVIZIO SOSPESO DOPO IL TERREMOTO DI MAGGIO 2012)

Cosa occorre

 

 

  • Per il rilascio della carta d'identità elettronica: un valido documento di riconoscimento. Per i minorenni occorre anche la presenza di entrambi i genitori nel caso in cui la carta d'identità venga rilasciata valida per l'espatrio. Il costo è pari ad Euro 25,00.

  • In caso di deterioramento e smarrimento/furto: un valido documento di riconoscimento, l'eventuale vecchia carta didentità deteriorataoppure la denuncia di smarrimento o furto rilasciata dall'autorità di Pubblica Sicurezza (Carabinieri o Questura). il costo della Carta d'Identità Elettronica, trattandosi di un duplicato, è pari ad Euro 30,00

 

Nel caso un cittadino sia possesso di una carta d'identità che ha ancora valenza quinquennale, a far data dal 26 giugno 2008, sarà dato corso alla convalida per gli ulteriori 5 anni, apponento gratuitamente, sul documento originario, un timbro contenente l'apposita apostilla. In questo caso si avvisa che il timbro di proroga non viene riconosciuto in alcuni stati esteri. Per essere certi della validità all'espatrio del documento occorre rivolgersi al Consolato d'Italia del Paese di destinazione, oppure chiedere il rilascio della Carta d'identità Elettronica.

Per l'apposizione del timbro non è necessaria la presenza dell'interessato. Il documento potrà essere presentato all'ufficio Servizi Demografici anche da altra persona.

 

Il rilascio della Carta d'Identità per i Cittadini residenti e per gli iscritti all'A.I.R.E. avviene nel momento stesso in cui viene effettuata la richiesta.
Per i non residenti e gli iscritti all'A.I.R.E. di altri Comuni i tempi di consegna dipendono dal periodo occorrente per il rilascio del nulla osta da parte del Comune di residenza o di Iscrizione A.I.R.E.

 

ELENCO DEI PAESI DOV'E' POSSIBILE RECARSI CON DOCUMENTI DIVERSI DAL PASSAPORTO

 


|HOME| |UFFICIO ANAGRAFE| |SERVIZI DEMOGRAFICI|

 

 

 

RILASCIO E RINNOVO DEL PASSAPORTO

 

Il Passaporto viene rilasciato e rinnovato dalle Questure e, all'estero, dalle Rappresentanze diplomatiche e consolari.
Il nuovo Passaporto Elettronico ha una validità di 10 anni (per i cittadini maggiorenni), di 5 anni (per i cittadini di età compresa tra i 3 ai 18 anni), di 3 anni (per i bambini di età inferiore a 3 anni) e non necessita del Visto d'ingresso per recarsi negli U.S.A. 

Per il rilascio

 

  1. Domanda su apposito modulo reperibile presso la Questura (oppure sul sito http://www.poliziadistato.it/articolo/10301/)

  2. Marca amministrativa per passaporti da € 73,50 quale tassa di concessione governativa (tabaccheria)

  3. Ricevuta del versamento di € 42,50 sul c/c postale 67422808, intestato al MINISTERO DELLE FINANZE - Dipartimento del tesoro - causale LIBRETTO PASSAPORTO ELETTRONICO (da effettuarsi presso gli uffici postali)

  4. N. 2 fotografie uguali, recenti, con sfondo bianco, posizione frontale rispetto all'obiettivo (di cm 4X4 - chi indossa occhiali da vista può tenerli purchè le lenti siano non colorate e la montatura non alteri la fisionomia del volto) di cui una LEGALIZZATA (presso l'Ufficio Anagrafe o presso la Questura munendosi di un documento d'identità valido).

  5. SOLO PER I CITTADINI NATI ALLESTERO: allegare certificato di cittadinanza italiana in carta semplice

La presentazione della documentazione alla Questura deve essere effettuata personalmente dai cittadini interessati per permettere l'acquisizione, da parte della Questura, delle impronte digitali.

Nel caso in cui non si tratti di primo rilascio occorre inoltre allegare il vecchio passaporto o denuncia di smarrimento dello stesso.

 


 


 

 

Assensi

 

  • PER I MINORI DI ANNI 18: domanda firmata da ENTRAMBI i genitori esercenti la potestà o di chi ne fa le veci

  • PER I GENITORI AVENTI FIGLI MINORI DI ANNI 18: assenso dell'altro genitore (in assenza dell'assenso dell'altro genitore, in caso di genitori separati o divorziati, copia della sentenza di separazione o di divorzio, autenticata e omologata dal Tribunale competente, da cui risulti che i coniugi si danno reciproco assenso all'espatrio; oppure il NULLA OSTA del Giudice Tutelare, da richiedere in Tribunale)

N.B. Le firme devono essere apposte in presenza dell'addetto all'ufficio. Se l'altro genitore è impossibilitato a presentarsi per firmare la dichiarazione di assenso il richiedente del passaporto potrà allegare una fotocopia del documento del genitore assente firmata in originale con una dichiarazione scritta di assenso all'espatrio firmata in originale (ai sensi del DPR 445 del 2000 legge Bassanini).

L'assenso dell'altro genitore non è necessario quando il richiedente sia titolare esclusivo della potestà sul figlio.

 

|HOME| |UFFICIO ANAGRAFE| |SERVIZI DEMOGRAFICI|

 


 

 

VISTO DI ESPATRIO PER I MINORI DI 15 ANNI

 

 

Il certificato di nascita valido per l'espatrio non viene più rilasciato in quanto viene rilasciata la carta d'identità anche per i minori di anni 15.

 

 


 

|HOME| |UFFICIO ANAGRAFE| |SERVIZI DEMOGRAFICI|

 


 

 

LEGALIZZAZIONE DI FOTOGRAFIE

 

E' possibile effettuare la legalizzazione di fotografia in caso di:

  • richiesta di passaporto e patente

  • richiesta di autorizzazione per porto d'armi, licenza di caccia, licenza di pesca

La fotografia legalizzata, inoltre, costituisce certificato di riconoscimento per minori di 15 anni. Il certificato è rilasciato, ad esempio, ai quattordicenni per la conduzione di ciclomotori nel caso non siano in possesso di un documento d'identità e ai cittadini stranieri minori di 15 anni. Il certificato scade dopo 6 mesi dalla data del rilascio. Dal compimento del 15° anno di età è necessario utilizzare la carta d'identità.

Cosa occorre

Per legalizzare una fotografia occorre presentarsi all'Ufficio Anagrafe muniti di:

  • Una fotografia recente formato tessera

  • Un valido documento di riconoscimento o, nel caso di un minore, del genitore o del tutore che lo accompagna.

La legalizzazione di fotografia è soggetta al pagamento dei diritti di segreteria pari a € 0,26.

 


|HOME| |UFFICIO ANAGRAFE| |SERVIZI DEMOGRAFICI|

 

 

RILASCIO E RINNOVO LICENZA PER USO CACCIA

 

Modulo per licenza porto d'armi uso caccia (37 Kb)

 

RILASCIO E RINNOVO LICENZA USO TIRO A VOLO

Modulo per licenza porto d'armi uso tiro a volo (32 Kb)

 

RICHIESTA DEL NULLA OSTA PER ACQUISTARE O EREDITARE DELLE ARMI

Modulo per la richiesta del nulla osta (34 Kb)

 

N.B. In caso di eredità, se gli eredi sono più di uno e desiderano che le armi vengano affidate ad un solo erede o ad una persona estarnea all'asse ereditario del defunto occorre presentare anche la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà in cui ciascun erede dichiara di rinunciare alle armi.

Dichiarazione sostitutiva atto di notorietà rinuncia armi (25 Kb)


|HOME| |UFFICIO ANAGRAFE| |SERVIZI DEMOGRAFICI|

RILASCIO E RINNOVO LICENZA DI PESCA

 

Rilascio licenza per persone che pescano con la sola canna con o senza mulinello munita di uno o più ami (no bilancere) e che siano:

  1. di età conpresa trai 14 e i 18 anni

  2. maggiori di 65 anni

  3. portatori di handicap fisico

  • Domanda per il rilascio (rilasciata dal Comune)

  • n. 2 marche da bollo da € 16

  • n. 1 fotografia formato tessera

  • Fotocopia di un documento di identità in corso di validità

  • Versamento di € 5,16 intestato a Amministrazione Provinciale di Mantova, Servizio tesoreria - Via P. Amedeo 30 - 46100 Mantova c/c 13812466

  • Versamento di € 28,00 sul c/c 85294585 intestato a Sezione Provinciale di Mantova convenzionata FIPSAS -  (utilizzare il bollettino rilasciato dal Comune).

Rilascio licenza per persone che hanno dai 18 ai 65 anni di età e per tutti coloro che pescano col bilancere:

  • Domanda per il rilascio (rilasciata dal Comune)

  • n. 2 marche da bollo da € 16

  • n. 1 fotografia formato tessera

  • Fotocopia di un documento di identità in corso di validità

  • Versamento di € 5,16 intestato a Amministrazione Provinciale di Mantova, Servizio tesoreria - Via P. Amedeo 30 - 46100 Mantova c/c 13812466

  • Versamento di€ 22,72 intestato a Regione Lombardia - Servizio tesoreria - Via Pirelli, 12 - 20124 Milano - C/c 25911207

  • Versamento di € 28,00 sul c/c 85294585 intestato a Sezione Provinciale di Mantova convenzionata FIPSAS -  (utilizzare il bollettino rilasciato dal Comune).

Per i bambini (tutti coloro nati dopo il 01 gennaio 1997)

versamento di € 6,00 sul c/c 85294585 intestato a Sezione Provinciale di Mantova convenzionata FIPSAS -  (utilizzare il bollettino rilasciato dal Comune).

Versamenti annuali

  • Versamento di € 22,72 intestato a Regione Lombardia - Servizio tesoreria - Via Pirelli, 12 - 20124 Milano - C/c 25911207 (in base all'età se non si pesca con il bilancere)

  • Versamento di € 28,00 sul c/c 85294585 intestato a Sezione Provinciale di Mantova convenzionata FIPSAS -  (utilizzare il bollettino rilasciato dal Comune).

 


|HOME| |UFFICIO ANAGRAFE| |SERVIZI DEMOGRAFICI|

 

LIBRETTO DI LAVORO

Istituito nel 1935, sul libretto di lavoro venivano registrate le esperienze lavorative del titolare e la regolare assunzione in aziende.
Con il Decreto Legislativo n. 297 del 19 dicembre 2002, che riforma il sistema di collocamento, il libretto di lavoro è stato abolito e quindi non sarà più richiesto nè ai lavoratori italiani, nè ai lavoratori immigrati.
Questo significa che il rapporto di lavoro può essere regolarmente istaurato anche senza la necessità di munirsi precedentemente del libretto. Le regole del vecchio collocamento sono cambiate per rendere più semplice il rapporto con i Centri dell'Impiego.

Per maggiori informazioni puoi rivolgerti al

 


|HOME| |UFFICIO ANAGRAFE| |SERVIZI DEMOGRAFICI|