CORONAVIRUS: - Rete civica del comune di San Benedetto Po

archivio notizie - Rete civica del comune di San Benedetto Po

CORONAVIRUS:

 

CORONAVIRUS -

ORDINANZA REGIONE LOMBARDIA N.539 DEL 03.05.2020 CONTENENTE ULTERIORI MISURE PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DELL’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19. ORDINANZA AI SENSI DELL’ART. 32, COMMA 3, DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1978, N. 833 IN MATERIA DI IGIENE E SANITÀ PUBBLICA E DELL’ART. 3 DEL DECRETO-LEGGE 25 MARZO 2020, N. 19 CON VALIDITA' DAL 04/05 AL 17/05/2020

 

ALCUNE MISURE PREVISTE DALL'ORDINANZA

 

1.1 OBBLIGO DI UTILIZZO DELLA MASCHERINA O DI ALTRE PROTEZIONI 

 

OGNIQUALVOLTA CI SI RECHI FUORI DALL'ABITAZIONE, VANNO ADOTTATE TUTTE LE MISURE PRECAUZIONALI CONSENTITE E ADEGUATE A PROTEGGERE SE' STESSO E GLI ALTRI DAL CONTAGIO, UTILIZZANDO LA MASCHERINA O, IN SUBORDINE, QUALUNQUE ALTRO INDUMENTO A COPERTURA DI NASO E BOCCA, CONTESTUALMENTE AD UNA PUNTUALE DISINFEZIONE DELLE MANI. IN OGNI ATTIVITA' SOCIALE ESTERNA DEVE COMUNQUE ESSERE MANTENUTA LA DISTANZA DI SICUREZZA INTERPERSONALE DI ALMENO UN METRO.

 

NON SONO SOGGETTI ALL'OBBLIGO I BAMBINI AL DI SOTTO DI SEI ANNI, NONCHE' I SOGGETTI CON FORME DI DISABILITA' NON COMPATIBILI CON L'USO CONTINUATIVO DELLA MASCHERINA OVVERO I SOGGETTI CHE INTERAGISCONO CON I PREDETTI SOGGETTI CON FORME DI DISABILITA'.

PER COLORO CHE SOLGONO ATTIVITA' MOTORIA INTENSA NON E' OBBLIGATORIO L'USO DI MASCHERINA O DI ALTRA PROTEZIONE INDIVIDUALE DURAMTE L'ATTIVITA' FISICA INTENSA, SALVO L'OBBLIGO DI UTILIZZO ALLA FINE DELL'ATTIVITA' STESSA E DI MANTENERE IL DISTANZIAMENTO SOCIALE.

 

1.2 SPOSTAMENTI DELLE PERSONE FISICHE

 

E' CONSENTITO NELL'AMBITO DEL TERRITORIO REGIONALE LO SPOSTAMENTO VERSO E DALLA SECONDA CASA O PRESSO CAMPER, ROULOTTE, IMBARCAZIONI, VELIVOLI, VEICOLI D'EPOCA O DA COMPETIZIONE, IN PROPRIETA' O SULLA BASE DI ALTRO DIRITTO LEGITTIMANTE SUL BENE, AI FINI DELLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI MANUTENZIONE NECESSARIE PER LA TUTELA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA E CONSERVAZIONE DEL BENE, FATTA SALVA LA POSSIBILITA' DI LAVORI PER MEZZO DI OPERATORI PROFESSIONALI.

 

1.3 PESCA SPORTIVA ED AMATORIALE

E’ CONSENTITA LA PRATICA DELLA PESCA SPORTIVA ED AMATORIALE ESERCITATA INDIVIDUALMENTE NEL RISPETTO DELLA MISURA DEL DISTANZIAMENTO INTERPERSONALE, CON POSSIBILITA' DI SPOSTAMENTO IN AMBITO REGIONALE.

 

1.4 NAVIGAZIONE DI IMBARCAZIONI PRIVATE

È  CONSENTITA LA NAVIGAZIONE DI IMBARCAZIONI PRIVATE, FATTE SALVE LE DISPOSIZIONI RESTRITTIVE DELL'AUTORITA' COMPETENTE SUL DEMANIO LACUALE E FLUVIALE E LE DISPOSIZIONI SUI SERVIZI PRIVATE DI NAVIGAZIONE AFFIDATI MEDIANTE AUTORIZZAZIONE O CONCESSIONE.

 

1.5 ADDESTRAMENTO DI CANI E CAVALLI

È CONSENTITA L'ATTIVITA' DI ALLENAMENTO E DI ADDESTRAMENTO DI CANI E CAVALLI IN ZONE ED AREE SPECIFICATAMENTE ATTREZZATE, IN FORMA INDIVIDUALE DA PARTE DEI PROPRIETARI DEGLI ANIMALI, ASSICURANDO IL RISPETTO DELLA DISTANZA DI SICUREZZA INTERPERSONALE DI UN METRO.

 

1.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO 

A) L'ACCESSO ALLE ATTIVITA' COMMERCIALI AL DETTAGLIO, AL FINE DI LIMITARE AL MASSIMO LA CONCENTRAZIONE DI PERSONE, E' CONSENTITO AD UN SOLO COMPONENTE PER NUCLEO FAMILIARE, FATTA ECCEZIONE PER LA NECESSITA' DI RECARE CON SE' MINOTI, DISABILI O ANZIANI;

B) SI RACCOMANDA LA RILEVAZIONE, MEDIANTE IDONEE STRUMENTAZIONI, A CURA DEI GESTORI DEGLI IPERMERCATI, SUPERMERCATI E DISCOUNT DI ALIMENTARI, DELLA TEMPERATURA CORPOREA DEI CLIENTI, OLTRE CHE DEL PERSONALE, PRIMA DEL LORO ACCESSO.  

A SEGUITO DEL RILIEVO DI TEMPERATURA CORPOREA UGUALE O SUPERIORE A 37,5°c, DEVE CONSEGUIRE L'INIBIZIONE ALL'ACCESSO ALL'ATTIVITA' CON INVITO A RITORNARE ALLA PROPRIA ABITAZIONE E LIMITARE AL MASSIMO I CONTATTI SOCIALI E CONTATTARE IL PROPRIO MEDICO CURANTE.  

C) I MERCATI SCOPERTI POSSONO APRIRE, LIMITATAMENTE ALLA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI, PURCHE' SIANO OSSERVATE E FATTE OSSERVARE LE SEGUENTI MISURE DI PREVENZIONE IGIENICO-SANITARIA E DI SICUREZZA, A CURA DEI COMUNI COMPETENTTI PER TERRITORIO:

1.definizione preventiva da parte dell’amministrazione comunale, per ogni mercato aperto, dell’area interessata, dell’assegnazione temporanea dei posteggi e della capienza massima di clienti contemporaneamente

presenti all’interno dell’area stessa, comunque non superiore al doppio del numero dei posteggi;

 

2. individuazione da parte del Comune di un “Covid Manager” per coordinare sul posto il personale addetto, con l’eventuale supporto di volontari di protezione civile, ai fini dell’assistenza a clienti ed operatori del mercato e dell’attuazione delle misure di cui alla presente Ordinanza nonché delle ulteriori misure di prevenzione e sicurezza emanate dai Comuni;

 

3. limitazione del perimetro esterno dell’area di mercato con transenne,nastro bicolore o altri strumenti idonei in modo che vi sia un unico varco di accesso separato da quello di uscita dall’area stessa;

 

4. accesso all’area di mercato, al fine di limitare al massimo la concentrazione di persone, consentito ad un solo componente per nucleo familiare, fatta eccezione per la necessità di recare con sé minori di anni 14, disabili o anziani;

 

5. si raccomanda la rilevazione da parte di personale addetto con l’eventuale supporto di volontari di protezione civile, mediante idonee strumentazioni, della temperatura corporea dei clienti, prima del loro accesso all’area di mercato, e degli operatori commerciali del mercato; inibizione all’accesso all’area, a seguito di rilevazione di temperatura corporea uguale o superiore a 37,5° C, con invito a ritornare alla propria abitazione, a limitare al massimo i contatti sociali e a contattare il proprio  medico curante;

 

6. rispetto, sia all’interno dell’area di mercato sia per i clienti in attesa di accesso all’area, del distanziamento interpersonale di almeno un metro e del divieto di assembramenti;

 

7. obbligo di utilizzo da parte degli operatori commerciali di mercato di mascherina a copertura di naso e bocca nonché di guanti;

 

8. distanziamento di almeno due metri e mezzo tra le attrezzature di vendita dei singoli operatori di mercato;

 

9. presenza di non più di due operatori per ogni posteggio. 

 

LE AMMINISTRAZIONI COMUNALI POSSO PREVEDERE, IN RELAZIONE ALLE PREDETTE AREE DI MERCATO, ULTERIORI MISURE DI PREVENZIONE IGIENICO-SANITARIE E DI SICUREZZA ED INFORMANO ATTRAVERSO I PROPRI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE CIRCA LE AREE DI MERCATO APERTE, LA LORO DELIMITAZIONE E L'ADOZIONE CONCRETA DELLE MISURE DI PREVENZIONE IGIENICO-SANITARIA E DI SICUREZZA RELATIVE ALLE SINGOLE AREE;

 

TALI DISPOSIZONI SI APPLICANO ANCHE ALLE FIERE.

 

RESTANO SOSPESE:

● LE ATTIVITA' DI VENDITA DEI PRODOTTI NON ALIMENTARI IN MERCATI SCOPERTI;

● LE SAGRE.

 

D) I MERCATI COPERTI POSSONO APRIRE, PER LA VENDITA DEI PRODOTTI COMPRESI NELLE CATEGORIE MERCEOLOGICHE CONSENTITE, A CONDIZIONE CHE IL SINDACO DEL COMUNE DI RIFERIMENTO ADOTTI E FACCIA OSSERVARE UN PIANO PER OGNI SPECIFICO MERCATO CHE PREVEDA QUANTO SEGUE:

a) presenza di un unico varco di accesso separato da quello di uscita;

b) sorveglianza pubblica o privata che verifichi il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e il rispetto del divieto di assembramento

c) l’applicazione delle previsioni di cui ai numeri 4, 5, 6 e 7 della precedente lettera C).

 

1.7 ALTRE ATTIVITA' ECONOMICHE 

A) E' CONSENTITA LA PROSECUZIONE DELL'ATTIVITA' PER GLI ALLOGGI PER STUDENTI E LAVORATORI CON SERVIZI ACCESSORI DI TIPO ALBERGHIERO (codice ATECO 55.90.20);

 

B) E' CONSENTITA L'ATTIVITA' DA PARTE DEGLI ESERCIZIO DI TOELETTATURA DEGLI ANIMALI DI COMPAGNIA, PURCHE' IL SERVIZIO VENGA SVOLTO PER APPUNTAMENTO, SENZA IL CONTATTO DIRETTO TRA LE PERSONE, E COMUNQUE IN TOTALE SICUREZZA NELLA MODALITA' "CONSEGNA ANIMALE - TOELETTATURA - RITIRO ANIMALE" NONCHE' LE ULTERIORI ATTIVITA' PREVISTE DAL CODICE ATECO 96.09.04, UTILIZZANDO I MEZZI DI PROTEZIONE PERSONALE E GARANTENDO IL DISTANZIAMENTO SOCIALE;

 

C) E' FATTO OBBLIGO AI CONCESSIONARI DI SLOT MACHINES DI PROVVEDERE AL BLOCCO DELLE MEDESIME ED AGLI ESERCENTI DI PROVVEDERE ALLA DISATTIVAZIONE DI MONITOR E TELEVISORI DI GIOCHI CHE PREVEDONO PUNTATE ACCOMPAGNATE DALLA VISIONE DELL'EVENTO ANCHE IN FORMA VIRTUALE, AL FINE DI IMPEDIRE LA PERMANENZA DEGLI AVVENTORI PER MOTIVI DI GIOCO ALL'INTERNO DEI LOCALI, A PRESCINDEERE DALLA TIPOLOGIA DI ESERCIZIO IN CUI TALI APPARECCHI SONO PRESENTI.

 

1.8 MISURE PER ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALE SOSPESE  

SALVO QUANTO GIA' PREVISTO DAL COMMA 8 DELL'ART.2 DEL DPCM 26.04.2020 E' CONSENTITO L'ACCESSO AI LOCALI DI QUALSIASI ATTIVITA' SOSPESA PER LO SVOLGIMENTO DI LAVORI DI VIGILANZA, MANUTENZIONE, PULIZIA E SANIFICAZIONE NONCHE' LA RICEZIONE IN MAGAZZINO DI BENI E FORNITURE.

 

 

 

CLICCARE QUI PER SCARICARE IL TESTO INTEGRALE DELL'ORDINANZA

 

Le violazioni alla presente Ordinanza verranno sanzionate.

 

 

Il Sindaco
dr. Roberto Lasagna